Facile Manager

Documentazione

Cerca nella documentazione

Articolo di magazzino - Scheda dettagli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La scheda Dettagli è  presente all'interno dell'anagrafica dell'articolo e contiene un'insieme di informazioni che contribuiscono a determinare il comportamento dell'articolo nelle fatture o nei documenti in genere

articolo scheda dettagli

I campi richiesti sono:

  • Produttore: selezionare il produttore dell'articolo dall'elenco dei soggetti
  • Iva: selezionare l'iva cui è soggetto l'articolo
  • Arr. prezzo: imposta su quanti decimali deve essere arrotondato il prezzo dell'articolo, se nel listino è abilitata la voce arrotondamento 
  • Unità di misura: selezionare l'unità di misura con cui è trattato l'articolo
  • =: inserire il rapporto di equivalenza fra la prima unità di misura e la seconda
  • 2° U.m.: contiene la seconda unità di misura
  • Quantità per collo: numero di pezzi costituenti un collo
  • Conti Costo e Ricavo: selezionare il conto specifico del piano dei conti, dove confluirà l'ammonatare dell'acquistato o venduto dell'articoli nelle fatture di acquisto o di vendita. Se non specificato confluirà automaticamente nel conto generico 'Merci'
  • Categoria ricarico: selezionare la categoria di ricarico dalla rispettiva tabella
  • Variante 1 e Variante 2: selezionate dalla tabella varianti per quegli articoli che lo richiedono (abbigliamento per esempio: variante Taglia e variante Colori). L'uso delle varianti è alternativo all'uso dell'articolo con il configuratore delle opzioni.
  • Garanzia mesi: inserire il numero dei mesi di garanzia di un prodotto. Utile nel modulo delle riparazione per segnalare se un articolo è ancora in garanzia oppure no
  • Peso, volume: sono due campi che contengono dati specifici dell'articolo ed in particolare il peso, utile per calcolare il costo del trasporto in automatico, se abilitato 
  • Altezza, larghezza, profondità

Gruppo Opzioni:

  • Tipo di articolo: le scelte possibili sono: semplice, composto o carburante. L'articolo composto è un articolo che contiene più articoli: ad esempio se si acquistano più articoli (chiamati componenti) e poi vengono assemblati e venduti come unico articolo, questo viene chiamato articolo composto
  • Quantità minima per la vendita: il valore predefinito è 1. Può essere specificato un valore maggiore, per aumentare il quantitativo minimo di acquisto. Nel gestionale non è vincolante, nel negozio on lin è vincolante
  • Multipli: utilizzato solo per il negozio on line: rappresenta il quantitativo multiplo di cui si consente l'acquisto
  • Usa per vendita al banco touch: è possibile selezionare l'articolo per essere visualizzato nell'elenco del pannello touch nella vendita al banco
  • Tracciabilità: se è abilitata la gestione dei lotti e delle matricole nelle Impostazioni archivio >> Magazzino, e se sull'articolo è abiliata questa voce, durante l'acquisto verrà richiesto di specificarne l'origine indicando il numero e la scadenza del lotto  o la matricola e di conseguenza durante la vendita di specificare il lotto dell'articolo o la matricola  che si sta scaricando
  • Codice a barre variabile: se abilitato consente l'uso dei codici a barre variabili per richiamare l'articolo cui appartengono. Un esempio è costituito dai biglietti 'gratta e vinci' che nell'ambito della stessa serie hanno un codice a barre costituito da una parte fissa e da una variabile. Durante il caricamento dei biglietti viene associata la parte fissa al relativo articolo, così nel momento dello scarico, la lettura dell'intero codice a barre richiama comunque lo stesso articolo
  • Escludi inventario: se selezionato esclude l'articolo dal conteggio delle quantità dell'inventario. Si pensi ad articoli immateriali come 'manodopera' per esempio 
  • Costo zero: se selezionato, nelle fatture di vendita o nella vendita al banco, nel calcolo dell'utile come differenza tra il valore acquistato e il valore di vendita, l'articolo viene dichiarato non avere nessun costo di acquisto
  • Escludi scontrino: se selezionato esclude l'articolo nella stampa dello scontrino. Ad esempio nel caso dei biglietti gratta e vinci, questi non devono essere scontrinati, ma devono essere comunque scaricati dal magazzino
  • Escludi dal totale documento: se selezionato, l'articolo inserito in un qualsiasi documento, non concorre a determinarne il totale
  • Obsoleto: articolo non più in uso: se selezionato, attraverso il bottone Obsoleti esclusi nella barra in alto a sinistra consente di nasconderli dagli elenchi
  • Aggiungi descr. breve alla descrizione (Nei documenti): se abilitato aggiunge la descrizione breve dell'articolo automaticamente alla descrizione dell'articolo nella descrizione del corpo documento
  • Aggiungi componenti  alla descrizione (nei documenti): visibile solo per gli articoli composti. Se selezionato nei documenti, la descrizione dell'articolo viene valorizzata anche con l'elenco dei componenti
  • Usa nel calcolo del peso parziale: Nei documenti sono disponibili due campi per il peso: il primo contiene il peso totale degli artiocli, il secondo il peso degli articoli selezionati con questa opzione

Gruppo Codifica in fattura elettronica: 

  • Codice tipo: se valorizzato nella fattura elettronica verrà inserito questo dato come tipo di articolo (ad esempio per i i carburanti questo valore sarà CARB)
  • Valore: se valorizzato come descrizione del tipo utilizzato verrà utilizzato questo valore nella fattura elettronica
  • Descr.br.altri dati gest.: è possibile inserire nella descrizione breve dell'articoli altre informazioni da inserire nella fattura elettronica di seguito alla linea dell'articolo sotto forma di Altri dati gestionali. La sintassi da utilizzare nel campo della descrizione breve è: TIpo dato; Valore testo e verrà utilizzato se questo campo è selezionato.

Gruppo E-Commerce: 

Se è attivo il modulo E-Commerce per ogni articolo è possibile specificare:

  • On line: Selezionare se si desidera mettere on line il prodotto
  • Disponibilità: selezionare dalla tabella Disponibilita personalizzate le diciture di disponibilità da associare all'articolo on line, svincolando l'indicazione delle quantità dalle quantità reali
  • Condizione: indicare se nuovo o usato 
  • Fonte: eventuale nome della fonte del listino degli articoli importati: nel caso di utilizzo massimo di listini di fornitori, specificare il nome del fornitore

Gruppo Opzioni carta fedeltà: se è abilitata la gestione carta fedeltàconai nelle  Impostazioni archivio >> Documenti

  • Operazioni su carta: specificare se l'articolo concorre a:
    • Aumento dei punti della carta fedeltà
    • Diminuzione dei punti della carta fedeltà
    • Non selezionato: non concorre nè all'aumento nè alla diminuzione

Gruppo Riferimento per il calcolo conai: se è abilitata la gestione conai nelle  Impostazioni archivio >> Magazzino

Se sull'articolo occorre calcolare il conai, compilare i seguenti campi:

  • Imballaggio: selezionare il tipo materia prima dalla tabella Materie

 

Prosegui con:

Articolo di magazzino - Codici a barre

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La scheda Codici a barre (e altri codici) è  presente all'interno dell'anagrafica dell'articolo e contiene tutti i codici e/o i codici a barre aggiuntivi dell'articolo: infatti nelle ricerche basterà inserire uno di questi codici e verrà richiamato sempre lo stesso articolo.

articolo dettaglio multicodice

Nella scheda sono visibili in formato tabellare tutte le voci che combongono un codice aggiuntivo di un articolo:

  • Codice alternativo: inserire il codice aggiuntivo o il codice a barre. Qualsiasi codice venga inserito deve essere unico. Non sono ammessi duplicati il pulsante Trova genera automaticamente un numero progressivo, molto utile nel caso non si abbiano particoli necessità di costruzione del codice a barre per gli articoli che ne sono sprovvisti
  • Plu: nel caso si usino le bilance e questo è un articolo che va su bilancia, occorre inserire il numero da associare al tasto presente sul pannello della bilancia; il pulsante  Trova genera automaticamente un numero progressivo,
  • Variante 1 e Variante 2: se nella scheda dettagli sono state inserite le Varianti ora è possibile associare al codice aggiuntivo che si sta inserendo una specifica variante: ad esemoio se l'articolo è gestito con taglie e colori, qui è  possibile specificare la taglia S e il colore Rosso
  • Pred.: se sono presenti più codici aggiuntivi in caso di stampa definisce quale codice utilizzare
  • Quantità: la quantità qui specificata verrà proposta al momento della vendita o dell'acquisto come quantità predefinita, ma modificabile
  • Tipo: specificare se il codice utilizzato richiede la formulazione del prezzo in base al peso, al prezzo, oppure fisso: prezzo per unità di prodotto
    articolo dettaglio multicodice tipo
  • Stampa:  stampa etichetta articolo con il codice a barre selezionato. Nella stampa dell'etichetta è possibile selezionare un listino e/o un formato specifico di stampa attraverso i due campi posti sopra i codici a barre. Nel caso non venga indicato nessun listino, verrà utilizzato il listino predefinito. Nel caso non venta specificato nessun formato di etichetta, verrà usato il formato di etichetta predefinito.

In questa scheda possono essere caricati anche i codici a barre di prodotti particolari come salumeria o frutta e verdura che hanno una parte fissa e una parte variabile che indica il peso o il prezzo.

In questo caso la costruzione del codice tiene conto delle impostazioni definite in Impostazioni archivio >> Magazzino

 

Prosegui con:

Articolo di magazzino - Sottoscorta

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La scheda Sottoscorta consente di specificare per ogni magazzino la quantità minima e massima per l'articolo, in modo da segnalare la necessità di procedere con un riassortimento.

articolo dettaglio scortaminima

Nella scheda sono visibili in formato tabellare le seguenti voci:

  • Magazzino: selezionare il magazzino su cui impostare il livello di scorta
  • Ubicazione: selezionare l'ubicazione nel magazzino dell'articolo selezionandola dalla tabella ubicazioni
  • Scorta minima: impostare il livello di scorta minima
  • Scorta massima: impostare il livello di scorta massima. Questo valore è utile durane la fase di riordino proponendo una quantità di acquisto non superiore alla scorta massima
  • Lotto riordino: è la quantità minima che si deve acquistare imposta dal fornitore
  • Ind. rotazione e gg ritardo: contengono due valori statistici di vendita che possono aiutare nel decidere la scorta minima

 

Prosegui con:

Articolo di magazzino - Listini

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La scheda Listini contiene tutti i listini dell'articolo: uno o più listini di vendita, uno o più listini di acquisto. Per lo stesso articolo e per lo stesso listino è possibile inserire valori diversi in base al codice a barre oppure in base ad alcune varianti (ad esempio un capo di abbigliamento con diverse taglie potrebbe avere prezzi diversi).

Listini associati all'articolo o prodotto di magazzino

La scheda Listini mostra innanzitutto la barra listini che in presenza di una tabella con molte righe e molti tipi di listino consente di selezionare e rendere visibile un solo listino alla volta.

Comandi listino

Con Mostra Listini di Vendita (Acquisto) è possibile passare dalla visualizzazione dei listini di vendita a quelli di acquisto.

Ricalcola listini agg. automatico consente il ricalcolo dei listini sull'articolo selezionato dei valori ad aggiornamento automatico

Salva colonne: consente di salvare le modifiche di larghezza delle colonne oppure se sono state rese visibili alcune colonne nascoste.

Nella scheda sono visibili in formato tabellare le seguenti voci:

  • Listino: selezionare il tipo di listino di cui si vuole gestire il valore, dalla tabella Listini
  • Ult. Costo: mostra l'ultimo costo di acquisto dell'articolo, se sono stati registrati acquisti (non modificabile)
  • % Ric. Calcolato: mostra la percentuale di ricarico calcolata automaticamente tra il costo di acquisto e il valore di vendita
  • % Ric. Automatico: consente di inserire la percentuale di ricarico da utilizzare per generare il valore di listino, se il relativo listino definito nella tabella listini è stato impostato ad aggiornamneto automatico
  • Valore: inserire il valore imponibile
  • Val. Ivato: inserire il valore compreso di iva. Il gestionale calcola automaticamente uno dei due valori una volta aver inserito il primo
  • Sc1 %, Sc2%, Sc3 %: inserire gli eventuali sconti in cascata
  • Netto e Netto ivato: calcolati automaticamente dal valore di listino al netto degli sconti 
  • Valido dal: data di inizio validità del prezzo di listino (utilizzato nelle offerte a tempo)
  • Valido dal: data di fine validità del prezzo di listino (utilizzato nelle offerte a tempo)
  • Quantita minima: inserire la quantità minima per ottenere il valore di listino che si sta inserendo
  • Iva: inserire l'iva da applicare sul listino solo se diversa da quella inserita nella scheda Dettagli.
  • Info per altri listini: utilizzato nel negozio on line per visualizzare informazioni supplementari a chi sta visualizzando un altro listino: ad esempio se esistono un listino web generico e un listino web per chi è  registrato, è possibile mostrare al cliente generico il beneficio che avrebbe se fosse registrato.

Tra i pulsanti presenti in basso, è disponibile e molto utile la funziona di duplicazione di una riga listino: selezionare la riga da duplicare e poi premere il pulsantino. A questo punto procedere con le modifiche.

Nel gestionale Facile Manager è possibile inserire diversi prezzi per lo stesso articolo e per lo stesso listino, ma con date di validità diverse. Ad esempio è possibile impostare un prezzo standard per un articolo con una data di validità molto ampia e poi un secondo listino con una data di validità più breve (nell'ipotesi di offerta). Durante la vendita, viene verificata la presenza di offerte, e solo dopo viene proposto il presso standard.

Nel caso sia attivo il negozio on line, ci sono alcune differenze rispetto al gestionale, che è bene conoscere. Le linee guida sono le seguenti:

  • Impostare sempre un prezzo standard per tutti gli articoli per ogni tipologia di listino (cliente generico web, rivenditore) senza indicazione di nessuna variante, indipendentemente se è stato inserito un prezzo per ogni variante (Il gestionale , comunque provvede a crearlo automaticamente nella maggior parte dei casi). 
  • È possibile impostare un solo prezzo offerta rispetto al prezzo standard, evidentemente con data validità più breve. Se vengono inserite due o più prezzi offerta in cascata ne viene scelto sempre il primo.
  • Anche in presenza di prezzi su varianti specifiche, non ci devono essere duplicati, mentre nel gestionale ne è consentito l'uso, in quanto ne viene richiamata automaticamente l'offerta più recente
  • I prezzi delle tipologie di listino (esempio listino rivenditore) possono essere espressi come differenza sul listino principale (purchè il valore sia inferiore) oppure ne viene indicato il valore direttamente. (Questa impostazione la si decide nella scheda del negozio)

 

Prosegui con:

 

Working Hours

Lunedi - Venerdi
09.00-13.00 / 16.30-19.30

Iscrizione newsletter

Ho letto e accetto la Informativa sulla privacy. L'iscrizione potrà essere cancellata in ogni momento.

Abilita il javascript per inviare questo modulo